Pizzaplex: un cuore napoletano nella comunità di Detroit

Pizzaplex: un cuore napoletano nella comunità di Detroit

Non si scopre oggi che la pizza è uno dei cibi italiani più conosciuti e apprezzati nel mondo, e come tutti i prodotti globalizzati ha subìto contemporaneamente gli effetti della specializzazione legata ai gusti regionali. Si possono trovare centinaia e centinaia di varianti e quasi ogni città principale degli States ha “brandizzato” questo prodotto attraverso la selezione di particolari ingredienti o la consistenza dell’impasto che ne hanno, di fatto, creato un stile (dalla Californian Style Pizza alla NY Style Pizza).

Fino ad una decina di anni fa,  il centro della città di Detroit era quasi privo di attività ristorative. Esistevano piccoli locali e posti storici nei principali sobborghi della città ma, specialmente nel centro, i locali per cenare erano davvero ridotti come numero. Negli ultimi anni, invece, si è assistito ad un vero boom di ristoranti e pub che hanno così iniziato ad animare la Midtown e dintorni. In particolare, una serie di ristoranti e pizzerie a bandiera italiana ha iniziato a colorare le strade della città. Tra queste, si distingue una pizzeria, il cui  nome trae spunto dal connubio tra il prodotto principale e la funzionalità del locale, che ha una vocazione a servizio della comunità: Pizzaplex.

Alessandra Carreon, giovanissima ingegnere ambientale, è la co-proprietaria di Pizzaplex insieme a suo marito Drew. La loro storia ha inizio da Napoli, dove Alessandra ha trascorso parte della sua adolescenza e dove hanno deciso di sposarsi. Nella città partenopea i due sposini hanno iniziato a frequentare un corso per pizzaioli e, dopo aver comprato un forno a legna e dopo aver sfornato pizze per parenti e amici nei fine settimana, hanno realizzato che la loro passione avrebbe potuto diventare un possibile lavoro.

Alessandra Carroen e suo marito Drew nel loro locale Pizzaplex – Detroit (MI)

Rientrati in America, hanno iniziato a meditare sull’inizio di questa possibile attività e dopo aver trovato un locale da ristrutturare, nel 2017 hanno inaugurato la prima Pizzeria Napoletana di Detroit e, quattro mesi dopo, hanno ottenuto il riconoscimento ufficiale dalla Associazione Verace Pizza Napoletana, la quale assicura il rispetto degli standard della preparazione e della autentica ricetta partenopea.

Alessandra svela che la vera mission di Pizzaplex non è  solo quella di fornire prodotti sostenibili e far apprezzare il gusto autentico della pizza napoletana: il valore aziendale è rappresentato anche dalle iniziative messe in campo per la comunità. Pizzaplex rappresenta un modello per altri locali circostanti che ne stanno imitando le caratteristiche; nel retro della struttura ci sono depositi impiantati per la raccolta dell’acqua piovana e bidoni per il compostaggio e riutilizzo del materiale di scarto.  Inoltre i propri spazi all’interno del locali sono visti come luoghi di aggregazione e condivisione, attraversi eventi, proiezioni, feste comunitarie e altre promozioni che vengono continuamente incentivate.  Infine, il fiore all’occhiello e motivo di orgoglio per Alessandra e Drew è la loro “pizza sospesa”, che sta avendo un successo crescente. Attraverso una donazione anonima, infatti, si lascia la possibilità ad una persona bisognosa di riscattare una pizza in maniera gratuita, una versione pizzaiola del “caffé sospeso” napoletano.

Giansbond

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *